Il sito e i suoi strumenti tersi si avvalgono di cookie necesari al funzionamento illustrato nella cookie policy
Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy

Stretching

stretching myofasciale

Stretching

Rilassamento muscolare

Il corso di Stretching si avvale di varie tecniche per allungare e decontrarre la muscolatura e per lavorare direttamente al livello articolare

Chi sceglie Stretching punta al rilassamento di zone contratte o dolenti, per stare meglio o per migliorare le proprie performance.

Lo stretching è una forma di esercizio fisico di tipo statico (o dinamico) che privilegia la flessibilità articolare e l’allungamento muscolare. La posizione viene raggiunta in maniera molto lenta e viene tenuta per un certo periodo (stretching statico). Lo stretching coinvolge la respirazione, il rilassamento e la percezione del proprio corpo; stimola inoltre la produzione di liquido sinoviale che va a lubrificare le articolazioni e contrasta l’usura della cartilagine e l’artrosi, consentendo una maggiore escursione dei capi articolari. Per praticare stretching correttamente è molto importante il ruolo della respirazione. Gli atti respiratori associati agli esercizi contribuiscono a rilassare la muscolatura ed aumentare il flusso sanguigno, favorendo lo smaltimenti dei cataboliti nei muscoli. Oltre alle fibre muscolari, sollecitano anche il connettivo (tendini, miofascia, legamenti) presente nella struttura contrattile. Il tessuto connettivo è estensibile, ma se non viene regolarmente sollecitato con l’esercizio fisico, tende a perdere questa caratteristica fondamentale.


Il corso si compone di varie tipologie di lavoro e di obiettivi specifici da migliorare:

  • Mobility: la mobilità articolare è la capacità di muovere un’articolazione in tutto il suo range di movimento. Dal punto di vista del fitness la flessibilità o mobilità articolare, rappresenta una qualità importante per un soggetto attivo; essa contribuisce infatti a mantenere il benessere fisico, una corretta postura, ad economizzare i gesti, migliorare le performances sportive, sviluppare la forza e prevenire gli infortuni muscolo-tendinei-articolari.
    Dal punto di vista della performance, la mobilità articolare costituisce una componente essenziale della prestazione motoria e come tale dev’essere sviluppata e mantenuta attraverso un adeguato programma di allenamento.
  • Flexibility: questo sistema agisce sull’elasticità di muscoli e tendini, con le sue posizioni e il suo modo di respirare, prende spunto dallo yoga e fonda la sua pratica in esercizi di stiramento muscolare allo scopo di mantenere il corpo in un buono stato di forma fisica. Nel dinamico invece
    il muscolo agonista contraendosi tende ad allungare il muscolo antagonista. La tecnica prevede anche di slanciare in modo controllato le gambe o le braccia, in una determinata direzione.
  • Myofasciale:  le rigidità dei tessuti possono essere di differenti tipi: muscolari, connettivali, propriocettive. Se i propriocettori rimangono attivati un muscolo non si rilascerà mai completamente. Lo stretching miofasciale rilascia, attraverso la pressione, i trigger point permettendo così un allungamento sia strutturale che neurale.

Trainer

Loredana

Durata

50 minuti

Orari

Lunedì, Mercoledì Venerdì 10:00
Venerdì 13:00
Martedì 20:00